PROFESSIONE

R.D. 1 marzo 1928, n. 842.

    Regolamento per l'esercizio della professione di chimico.

                                   Pubblicato nella Gazz. Uff. 1° maggio 1928, n. 102.

 

 

Data l’importanza e la pervasività della Chimica nella nostra Società, il Chimico svolge la sua attività in uno svariato numero di campi. Per questo il Consiglio Nazionale rappresenta un punto di riferimento importante, incaricato di tutelare l’esercizio stesso della professione in tutti i settori di competenza. In particolare per coloro che, come Chimici, svolgono attività professionale, o occupano posizioni di responsabilità, l’iscrizione all’Albo Professionale è obbligatoria e necessaria. In questa sezione sono disponibili tutte le informazioni e i documenti utili per l’accesso alla professione, partendo dalla scelta del percorso formativo fino all’esame di stato. Nell’apposita area sono inoltre disponibili tutti le notizie relative alla qualifica di "Chimico Europeo" (EurChem) finalizzata a riconoscere a livello internazionale la competenza dei professionisti del settore. Le perizie e gli incarichi in materia di chimica pura ed applicata possono essere affidati dall'autorità giudiziaria e dalle pubbliche amministrazioni soltanto agli inscritti nell'albo dei chimici.

 

Le perizie e gli incarichi in materia di chimica pura ed applicata possono essere affidati dall'autorità giudiziaria e dalle pubbliche amministrazioni soltanto agli inscritti nell'albo dei chimici, salvo il disposto dell'art. 7.

Peraltro le perizie e gli incarichi anzidetti possono essere affidati a persone non iscritte nell'albo quando ricorra una delle seguenti circostanze:

a) che si tratti di casi di speciale importanza, i quali richiedano l'opera di una persona eminente nella scienza o di un tecnico di fama singolare;

b) che si tratti di perizie o di incarichi di importanza limitata e per cui non sia necessaria una particolare preparazione scientifica;

c) che non vi siano nella località professionisti iscritti nell'albo, ai quali affidare la perizia  o l'incarico.

In ogni caso, qualora disposizioni legislative o regolamentari prescrivano che la direzione di determinate aziende private venga affidata a chi abbia conseguito l'abilitazione alla professione di chimico, la direzione stessa deve essere affidata agli iscritti nell'albo. Devono poi essere redatte dagli iscritti nell'albo le perizie e le analisi, che devono essere presentate alle pubbliche amministrazioni.